IL TALENTO – ABILITA’ COGNITIVE-PERCETTIVE

L’ANTICIPAZIONE VISIVA-MOTORIA

Nel calcio moderno sono divenute di fondamentale importanza le abilità cognitive-percettive del calciatore, quindi le capacità di mettere in atto strategie di gioco efficaci sulla base delle percezioni visive. Questo aspetto, oscuro fino a qualche tempo fa, è stato oggetto di diversi studi scientifici e di molti test. I ragazzi sono stati valutati sull’anticipazione e sulla loro capacità decisionale. Il ragazzo, dato un particolare insieme di circostanze, utilizzando strategie di ricerca visiva, e memorizzando e codificando tutte le informazioni presenti: CREA ASPETTATIVE su ciò che è probabile che accada, e prende le DECISIONI MIGLIORI.

Vi porto l’esempio di alcuni test effettuati dagli studiosi Williams e Really nei loro studi sul talento nel calcio e sui potenziali predittori del talento nel calcio.

– Sull’anticipazione visiva dopo la visione di alcune diapositive i ragazzi dovevano ricordare le informazioni presenti.

– Successivamente invece i giocatori di movimento sono stati testati sull’anticipazione di un passaggio di un avversario ed i portieri invece sulla direzione di un tiro di un avversario.    

In entrambi i test i giocatori di maggior talento sono risultati molto più abili nel riconoscere e ricordare schemi di gioco, nell’anticipare le azioni degli avversari sulla base di segnali visivi grazie ad una strategia di ricerca visiva migliore. Inoltre più abili nell’aspettativa di ciò che è probabile che accada in una particolare circostanza. I giocatori più esperti rispetto i non esperti inoltre dimostrano tempi di reazione più veloci con errori di richiamo minori nell’anticipazione e nelle prese di decisioni.

Importantissimi anche i test sui comportamenti di ricerca visiva.

– In giochi 1 contro 1, 3 contro 3, e 11 contro 11 proiettati su video, il ragazzo testato nel video-test, è stato analizzato sui suoi movimenti oculari, registrando il numero e la durata delle fissazioni visive.

L’analisi dei risultati dei ragazzi migliori ha evidenziato un numero di fissazioni visive maggiore ma di durata inferiore. Una migliore prestazione anche in condizioni di visione occlusa. Una maggiore qualità nell’estrarre le informazioni dall’orientamento posturale dell’avversario. Le differenze più evidenti ci sono state soprattutto nel gioco 1 contro 1, dove le abilità personali risultano indispensabili.

 

Per rendervi meglio l’idea del concetto sopra descritto.. due pensieri di due tra i migliori calciatori di tutti i tempi:

 

“Il mio allenamento prevede anche la creazione di un’immagine mentale di come passare al meglio la palla a un mio compagno. Lo faccio sempre, prima di ogni partita, ogni giorno e ogni notte, immaginare un modo di giocare a cui nessun altro ha pensato, tenendo sempre a mente i miei punti di forza e quelli dei miei compagni.”                      Ronaldinho, pallone d’oro 2006

 

 

“Tutti gli allenatori parlano di movimento, di correre molto. Io dico che non è necessario correre tanto. Il calcio è uno sport che si gioca col cervello. Devi essere al posto giusto al momento giusto, né troppo presto né troppo tardi.”     Johan Cruijff

 

Per tutte queste ragioni, l’allenamento di calcio a 5, per un calciatore di calcio a 11 può essere determinante. Allenarsi a prendere decisioni e a fare movimenti o gesti, in spazi stretti e in maniera molto più rapida, può diventare un fattore che può discriminare il talento. Automatismi non semplici per il calciatore di calcio a 11 abituato a muoversi in ampi spazi e con ritmi meno aggressivi. In tutte le scuole calcio e in tutti i settori giovanili sarebbe opportuno inserire sedute di calcio a 5, in spazi ridotti, in cui necessariamente il bambino/ragazzo, è obbligato ad orientarsi nello spazio a disposizione e ad eseguire i suoi gesti tecnici nello stretto e in maniera molto più veloce.

Abilità tecniche e rapidità di pensiero sono aspetti ormai troppo importanti anche nel calcio a 11, sarebbe oppurtuno iniziare ad allenarli già nelle scuole calcio, fin dalla tenera età.

 

 

Stefano Primiterra

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.