RIPRESA CAMPIONATI 20/21

  • 15 Marzo 2021
  • stefano
  • NEWS
  • 0
  • 42 Views

In ordine al prosieguo delle attività della la stagione 2020-2021 per i campionati di Eccellenza maschile e femminile di calcio a 11 e i campionati maschili e femminili di Serie C-C1 di calcio a 5, la Lega Nazionale Dilettanti ha trasferito le Linee Guida ricevute dalla FIGC ai Comitati Regionali.

Gli stessi, saranno chiamati a comunicare in via definitiva alla stessa LND i format dei suddetti campionati e i relativi calendari delle gare, onde poter tramettere il tutto FIGC per diretta competenza.

La Lega Nazionale Dilettanti ha richiesto altresì ai Comitati la massima celerità nell’indicazione delle modalità di ripresa delle attività, anche allo scopo di consentire alla FIGC, per le competizioni regionali di vertice, di effettuare la relativa comunicazione al CONI al fine dell’inserimento nell’elenco degli eventi di “preminente interesse nazionale”.

Queste le linee guida della FIGC:

L’intento della Federcalcio è quello di non creare alcuna disparità tra le singole regioni e di dar vita ad un campionato che possa andare avanti di pari passo a livello generale, solo così si potrà pensare che esso sia davvero di interesse nazionale. In primis, non essendoci l’obbligatorietà della partecipazione, Gravina ha scritto di non attribuire alcuna penalità alle società al di fuori della stagione 2020/2021, perciò la mancata possibilità di presentare domanda di ripescaggio deve far testo solo all’annata attuale. Serve un minimo numerico di partecipanti all’Eccellenza per ogni girone, con la possibilità, qualora ve ne sia la necessità e l’opportunità, di accorpare i campionati di più regioni. Chieste, dal Presidente FIGC, anche tutele specifiche al tesseramento degli atleti e delle atlete.

Ristori

Chiosa finale per un altro argomento caldissimo: «Il presidente federale ha poi confermato l’impegno affinché, nel cosiddetto decreto legge ‘sostegno’ di prossima adozione da parte del Governo, sia anche previsto un contributo a fondo perduto in favore delle società della Lega Nazionale Dilettanti a ristoro delle spese sanitarie derivanti dall’applicazione del Protocollo in essere per il campionato di Serie D».

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *